Papa: lo Spirito insegna le cose di Gesù e aiuta a ricordarle

Categoria: Notizie dal Vaticano Pubblicato: Martedì, 17 Maggio 2016

 

Lo Spirito Santo “ci insegna l’unica cosa indispensabile: amare come ama Dio”. Lo ha affermato Papa Francesco al Regina Caeli, celebrato dalla finestra del suo studio affacciato su Piazza San Pietro, dopo aver presieduto la Messa solenne della Pentecoste.

Non lo si vede e anche per tanti che si professano credenti è una presenza indefinibile e impalpabile. Ma essere cristiani è un’opera concreta dello Spirito Santo. È Lui che fissa nel cuore ciò che Cristo ha insegnato perché le parole del Vangelo resistano al logorio del tempo e della fragile memoria umana. Non a caso, sottolinea Papa Francesco nel suo pensiero all’ultimo Regina Caeli dell’anno, nel giorno di Pentecoste, lo Spirito Santo è stato “il primo e principale dono” che Gesù “ci ha ottenuto con la sua Risurrezione e Ascensione al Cielo”.

Amore con i “fatti”
Francesco concentra l’attenzione su una frase del Vangelo di Giovanni letto in questa solennità, quando Gesù dice ai suoi discepoli: “Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paraclito perché rimanga con voi per sempre”. Parole, commenta il Papa, che ci “ricordano anzitutto che l’amore per una persona, e anche per il Signore, si dimostra non con le parole, ma con i fatti”:

“Osservare i comandamenti” va inteso in senso esistenziale, in modo che tutta la vita ne sia coinvolta. Infatti, essere cristiani non significa principalmente appartenere a una certa cultura o aderire a una certa dottrina, ma piuttosto legare la propria vita, in ogni suo aspetto, alla persona di Gesù e, attraverso di Lui, al Padre (…) Lo Spirito, infatti, ci insegna ogni cosa, ossia l’unica cosa indispensabile: amare come ama Dio”.

Lo Spirito insegna e ricorda
C’è poi l’altra particolare definizione che Gesù usa con gli Apostoli riferendosi allo Spirito Santo come a “un altro Paraclito”. “Altro” perché, afferma Francesco, il primo è Cristo stesso, divenuto uomo, morto e risorto per l’umanità. Lo Spirito Santo interviene subito dopo proprio con funzioni di assistenza, intercessione, difesa, consolazione, mediazione. Con funzioni, indica il Papa, di “insegnamento e di memoria”:

“Lo Spirito Santo non porta un insegnamento diverso, ma rende vivo, rende operante quello di Gesù, perché il tempo che passa non lo cancelli o non lo affievolisca. Lo Spirito Santo innesta questo insegnamento dentro al nostro cuore, ci aiuta a interiorizzarlo, facendolo diventare parte di noi, carne della nostra carne (...) Tutte le volte che la parola di Gesù viene accolta con gioia nel nostro cuore, questo è opera dello Spirito Santo”.

Un cuore con questa luce dentro, conclude Francesco, saprà “testimoniare Cristo con franchezza evangelica”.

 

fonte: www.news.va

Visite: 988